E-mail   Password        Password dimenticata? Come ordinare   Trova la tua Libreria-Point   Registrati    Contatti   Privacy Policy
 
     
> Ricerca avanzata Borsa della spesa Visualizza
 
Cengia del corvo (La)   € 14,00
 
  Emilio Paolo Taormina
       
 
ISBN   9788894019056
     
Editore   Ediz. del Foglio Clandestino
   
Collana   Interno 10
     
Genere   Poesia di singoli poeti
     
Pubblicazione   2016
     
Disponibilità   In commercio, di facile reperibilità

Cerca la libreria più vicino a casa!
Digita la città o la sigla della tua provincia.
  "[...] le tracce verticali di Taormina, la curatissima composizione grafica, soluzione originale all'obbligo di affrancarsi da ogni naiveté e da ogni possibile accusa di versificazione eccessiva, tirano in ballo la vita ogni momento: non quella del poeta, ma la sua capacità (un tempo avremmo detto sensibilità) di trasmettere sensazioni primarie, luoghi, e idee che ci appartengono, che con facilità estrema il lettore fa proprie, nella propria rielaborazione, ancorché riflessa, comunque autorale: questo è-nient'altro-la poesia, ecco perché leggiamo poesia, e forse, anche una ragione del fatto che è più facile scriverla, la poesia, che leggerla: «i poeti siedono/negli angoli dei caffè/parlano coi baristi/conservano/fischi di navi e treni/come cartoline ricordo/la poesia solleva/gli uomini/un palmo dalla terra»; eppure, gli uomini che si sollevano-quei pochi-lo fanno poggiando per terra il palmo delle mani. Le loro mani." (dalla Nota di lettura di Massimo Barbaro)
       
Recensione a cura di: Edizioni del Foglio Clandestino "[...] le tracce verticali di Taormina, la curatissima composizione grafica, soluzione originale all'obbligo di affrancarsi da ogni naivet? e da ogni possibile accusa di versificazione eccessiva, tirano in ballo la vita ogni momento: non quella del poeta, ma la sua capacit? (un tempo avremmo detto sensibilit?) di trasmettere sensazioni primarie, luoghi, e idee che ci appartengono, che con facilit? estrema il lettore fa proprie, nella propria rielaborazione, ancorch? riflessa, comunque autorale: questo ?-nient'altro-la poesia, ecco perch? leggiamo poesia, e forse, anche una ragione del fatto che ? pi? facile scriverla, la poesia, che leggerla: ?i poeti siedono/negli angoli dei caff?/parlano coi baristi/conservano/fischi di navi e treni/come cartoline ricordo/la poesia solleva/gli uomini/un palmo dalla terra?; eppure, gli uomini che si sollevano-quei pochi-lo fanno poggiando per terra il palmo delle mani. Le loro mani." (dalla Nota di lettura di Massimo Barbaro)
 
 
 
 
Emilio Paolo Taormina

Inchiostro


Ediz. del Foglio Clandestino
2011

€ 8,00

In commercio, di facile reperibilità